lunedì, Giugno 24, 2024
HomeNotizieIran NewsIl discorso di Khamenei: un gesto sprezzante verso i problemi economici dell'Iran...

Il discorso di Khamenei: un gesto sprezzante verso i problemi economici dell’Iran e l’isolamento internazionale

khamenei meeting foreign affairst ministry (1)

Mercoledì 24 aprile, il Leader supremo del regime iraniano, Ali Khamenei, nel ripetere la sua solita retorica sullo stato dell’economia e poi sulle sanzioni internazionali,
ha dimostrato di ignorare le pressioni economiche sul popolo e l’isolamento internazionale del regime, e non ha alcuna intenzione di fare marcia indietro rispetto alla sua stessa strategia. Khamenei, con il pretesto della Festa del Lavoro, ha incontrato un
gruppo accuratamente selezionato di agenti del regime, che i media statali hanno descritto come lavoratori. Ha affermato che attraverso un aumento della produzione, il paese e la gente sarebbero diventati ricchi e le tasche dei lavoratori sarebbero state piene.

Invece di affrontare le difficoltà economiche e i bisogni urgenti della società, Khamenei ha dimostrato di avere altre priorità. Ha, infatti, detto: “I nostri progressi militari hanno stupito i nostri nemici. Può l’Iran, tra le sanzioni, produrre armi così avanzate, e con
questa quantità? Sì, può! Si può anche produrre di più! Può produrre meglio! Può produrre anche quelle più avanzate!” “Vogliono mettere all’angolo il sistema islamico con sanzioni in modo che si sottometta alle loro richieste prepotenti e alle loro avide aspettative”,
si vantava Khamenei. Respingendo le preoccupazioni espresse dai funzionari statali sulla situazione sociale instabile e la lotta, Khamenei ha sottolineato la volontà di proseguire su questa linea politica ed ha affermato: “Alcuni benevolmente consigliano di andare d’accordo
con l’America. Lasciate che vi dica, le loro richieste [i nemici] sono infinite. È impossibile che il sistema si sottometta a tale coercizione.

” Tuttavia, le statistiche mostrano che una parte significativa delle persone in cerca di lavoro in Iran ha lasciato il mercato del lavoro a causa di problemi economici, sociali e politici, e la migrazione delle risorse umane dal paese ha raggiunto il suo livello storico più alto. Il quotidiano Jahan Sanat ha scritto a gennaio: “La comunità operaia iraniana sta cercando di emigrare in Iraq, in particolare nella città di Erbil. Secondo il giornale, paesi come l’Arabia Saudita, il Bahrain, il Kuwait, la Turchia, l’Azerbaigian e gli Emirati Arabi Uniti sono altre destinazioni, in cui gli iraniani cercherebbero lavoro.

Rasoul Sadeghi, membro del gruppo di lavoro sulla fuga dei cervelli dell’Accademia culturale, ha anche affermato a gennaio che secondo un’indagine nazionale sul “capitale sociale”, il desiderio di migrare tra la popolazione iraniana di età superiore ai 18 anni è aumentato dal 23% nel 2014 al 46% nel 2021. L’agenzia di stampa Tasnim ha scritto nel dicembre 2023 che le lunghe ore di lavoro e la difficoltà del lavoro rispetto ai bassi salari hanno indotto gli operai a rivolgersi verso altre occupazioni, anche informali, dopo un anno, poiché il vending stradale può fornire redditi significativamente più alti rispetto al lavoro nelle fabbriche e nelle unità produttive.

I rapporti indicano che la soglia di povertà media nazionale è salita a quasi 24 milioni di tomans, con Teheran che supera i 30 milioni di tomans. Tuttavia, Khamenei non ha affrontato il salario minimo per quest’anno, che si attesta a poco più di 11 milioni di tomani, né ha riconosciuto le proteste quotidiane dei lavoratori per quanto riguarda questi salari inadeguati.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow