giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeNotizieInternazionaleSi è spento l’arcivescovo Desmond Tutu, “bussola morale” del Sudafrica e amico...

Si è spento l’arcivescovo Desmond Tutu, “bussola morale” del Sudafrica e amico del popolo iraniano, e della Resistenza

L’arcivescovo Desmond Tutu, “bussola morale” del Sudafrica e leader nella lotta contro l’apartheid, è morto il 26 dicembre. Era anche un premio Nobel per la pace, che ha sacrificato anni della sua vita nella lotta contro il regime dell’apartheid.
“La scomparsa dell’arcivescovo emerito Desmond Tutu è un altro capitolo di lutto nell’addio della nostra nazione a una generazione di sudafricani eccezionali che ci hanno lasciato in eredità un Sudafrica liberato”, ha detto il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa in un comunicato.
L’arcivescovo Tutu ha sempre promosso i diritti umani e si è battuto per valori come la pace durante la sua vita. Grazie alla sua formazione e ai valori che aveva a cuore, l’arcivescovo Tutu è stato al fianco del popolo iraniano e la loro resistenza nei momenti più difficili.
Ha sostenuto in particolare i membri della Resistenza iraniana quando sono stati attaccati a Camp Ashraf, in Iraq, da parte del governo fantoccio dell’Iran a Baghdad.
“Mi unisco all’UNHCR, all’UE, ad altri paesi del mondo e ad organizzazioni e personalità per i diritti umani che deplorano fortemente i violenti attacchi delle forze irachene contro i residenti indifesi e disarmati di Camp Ashraf l’8 aprile 2011, che hanno lasciato 35 residenti uccisi e centinaia di altri feriti”, si legge nella dichiarazione dell’arcivescovo Tutu dopo l’attacco delle forze irachene contro i residenti di Camp Ashraf nel 2011.
Nel 2010, l’arcivescovo Tutu ha inviato un messaggio alla manifestazione annuale della Resistenza iraniana “Free Iran” e ha pregato che la “luce dei diritti umani, della dignità umana e della giustizia umana… risplenda su tutte le nazioni”.
“In Iran oggi quella lotta per i diritti umani e la dignità si è risvegliata.  Nonostante i grandi pericoli, il popolo iraniano sta dicendo ai suoi leader e al mondo che vuole ristabilire il suo legittimo posto come coloro che credono e sostengono i diritti umani, la giustizia e la pace”, si legge nel suo messaggio.
L’arcivescovo Tutu aveva anche condannato la violenza del regime iraniano contro i manifestanti iraniani durante la rivolta del 2009.
L’arcivescovo Tutu “non ha mai avuto paura di dire la verità al potere, qualunque sia il suo credo o colore”, ha scritto l’agenzia di stampa francese.
La Resistenza e il popolo iraniano hanno perso un grande amico e offrono le loro sincere condoglianze alla sua famiglia e ai suoi cari.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,408FollowersFollow