domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieIran NewsGli Stati Uniti devono decidere il destino del gruppo Iraniano in quattro...

Gli Stati Uniti devono decidere il destino del gruppo Iraniano in quattro mesi

Venerdì 01 Giugno 2012 21:26 By James Vicini

WASHINGTON (Reuters) – Una corte d’appello degli Stati Uniti venerdì ha ordinato al Segretario di Stato Hillary Clinton di decidere entro quattro mesi se rimuovere o meno un gruppo dissidente iraniano da un elenco terroristico degli Stati Uniti. I tre giudici della Corte d’Appello del District of Columbia Circuit all’unanimità hanno stabilito per il gruppo, mujaheddin-e Khalq, o MEK, che ha cercato di costringere il Dipartimento di Stato di cancellare dalla lista o di decidere, entro un determinato periodo di tempo sulla sua la richiesta di essere rimosso.

La corte d’appello ha ordinato alla Clinton di concedere o negare la richiesta del gruppo in quattro mesi. Se lei non riesce ad agire in quel periodo di tempo, ha detto che avrebbe accantonato la designazione del governo statunitense del gruppo come organizzazione terroristica straniera.

La corte d’appello, tuttavia, ha respinto la richiesta del gruppo per un termine di 30 giorni.

Nel dibattimento dinanzi alla corte d’appello l’8 maggio, un avvocato dell’ amministrazione ha detto che la Clinton prevede di pronunciarsi sulla richiesta del gruppo in circa due mesi, dopo la chiusura del suo campo profughi in Iraq.

Gli Iraniani che appartengono al gruppo si sono trasferiti dalla loro base di Campo Ashraf in Iraq ad un centro di elaborazione in una ex base militare statunitense a Baghdad.

Conosciuto anche come organizzazione Mujaheddin del Popolo Iraniano, il gruppo ha condotto una campagna di guerriglia contro lo scià di Persia sostenuto dagli USA nel corso del 1970 che comprendevano attacchi contro obiettivi statunitensi. E ‘stato aggiunto alla lista nel 1997, ma il gruppo ha detto di aver rinunciato alla violenza.

Il gruppo, che ha spinto per il rovesciamento dei leader religiosi iraniani, non si è trovato più benvenuto in Iraq sotto il suo nuovo governo a guida sciita, che è salito al potere dopo la caduta di Saddam Hussein nel 2003.

A seguito della citazione del MEK come organizzazione terroristica straniera, agli americani è stato impedito di sostenere il gruppo ed ai suoi membri o rappresentanti è stato proibito di entrare negli Stati Uniti.

La Corte d’Appello ha stabilito quasi due anni fa, che la Clinton aveva violato i diritti del gruppo e la incarica di “rivedere e confutare” le parti non classificate del verbale che inizialmente ha invocato e dire se considera le fonti sufficientemente credibili.

Ha detto che la Clinton non aveva ancora preso una decisione definitiva. “Crediamo che il ritardo del Segretario ad agire sulla richiesta (del gruppo) per la revoca sia notevole,” ha detto la Corte d’Appello.

La Corte d’Appello ha detto che ha rifiutato di revocare immediatamente la designazione del gruppo alla luce della “sicurezza nazionale e delle preoccupazioni di politica estera.”

(Servizio di James Vicini; Montaggio di Vicki Allen)

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,375FollowersFollow