lunedì, Febbraio 6, 2023
HomeComunicati StampaResistenza IranianaLa rivolta di Abadan è continuata per la settima notte di seguito

La rivolta di Abadan è continuata per la settima notte di seguito

Proteste di solidarietà con Abadan a Masjed Soleyman e Kazerun con gli slogan “Vergogna sul leader” (Khamenei)
“Siamo tutti guerrieri, combattiamo e contrattaccheremo”, “Ucciderò chiunque abbia ucciso mio fratello”, “Basiji, sparite”
La teatralità del regime ad Abadan fallisce

Domenica notte, la popolazione di Abadan ha interrotto e trasformato una ridicola cerimonia di lutto organizzata dal regime in una protesta e ha deriso gli agenti presenti sulla scena gridando: “Vergognatevi!”.
Per contrastare l’odio e il disgusto diffusi a livello nazionale dopo la tragedia causata dal crollo dell’edificio di dieci piani Metropol ad Abadan, con un ritardo di sei giorni domenica il regime clericale ha organizzato cerimonie pubbliche di lutto in varie città, tra cui Abadan. Tuttavia, le persone coraggiose di Abadan hanno interrotto lo spettacolo e hanno continuato le loro proteste e manifestazioni rendendo omaggio ai loro cari. Grandi delegazioni di persone di Shadegan e Mahshahr si sono recate ad Abadan per esprimere la loro solidarietà e hanno marciato per protestare contro la corruzione e i crimini del regime.
Domenica sera, anche la popolazione di Masjed Soleyman e Kazerun ha manifestato in solidarietà con Abadan e ha affrontato le forze repressive del regime.
La protesta ad Abadan è proseguita per la settima notte consecutiva e i manifestanti hanno gridato: “Siamo tutti guerrieri, combattiamo e contrattaccheremo”, “Ucciderò chiunque abbia ucciso mio fratello” e “Basiji, sparite”. Le forze repressive hanno lanciato gas lacrimogeni contro la gente e hanno sparato con armi da fuoco, ferendo molti manifestanti.
Negli ultimi giorni, invece di inviare squadre di salvataggio e soccorso, il regime ha inviato teppisti Basij e unità speciali ad Abadan e in altre città in protesta e ha rallentato o chiuso Internet per sedare le rivolte. Secondo il quotidiano statale “Entekhab”, il 28 maggio, il comandante delle unità speciali dell’IRGC generale di brigata Hassan Karami ha affermato sfacciatamente: “La presenza delle unità speciali ha solo lo scopo di fornire conforto e sicurezza al popolo rivoluzionario di Abadan e aiutare i feriti”.
Lo stesso giorno, secondo un altro quotidiano statale, “Arman”, Mohammad Mokhber, primo vice di Ebrahim Raisi, ha inevitabilmente ammesso: “C’è stata una corruzione diffusa tra il costruttore, l’appaltatore, il supervisore e gli enti concessori, nel caso Metropol”. Jalal Rashidi Kouchi, un deputato dell’assemblea parlamentare consultiva del regime, ha anche riconosciuto che “il Comune di Abadan era comproprietario del Metropol e c’era un conflitto di interessi. Hanno cambiato la licenza da quattro a 10 piani”.
Sabato sera, 28 maggio, le proteste si sono svolte anche a Teheran e in molte altre città, tra cui Andimeshk, Shahr-e-Rey, Qom, Ahvaz (Malashie), Behbahan, Susangard e Shush. I residenti furiosi sono scesi in strada e hanno gridato “Abadan non è sola”, “Condoglianze ad Abadan”, “Khamenei è un assassino, il suo governo è illegittimo” e “Morte al dittatore”.
La signora Maryam Rajavi, presidente-eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI), ha salutato l’eroica resistenza del popolo di Abadan e ha detto: “Il proseguimento della rivolta di Abadan di fronte ai proiettili e ai gas lacrimogeni manifesta la rabbia della nazione iraniana contro i mullah. Oggi, Abadan è il cuore dell’Iran, e le città sorgono a difenderla una dopo l’altra”.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI)
30 maggio 2022

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,935FollowersFollow