domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieIran NewsCon la rimozione di PMOI e CNRI da tutte le liste federali...

Con la rimozione di PMOI e CNRI da tutte le liste federali e statali in Germania, i maggiori investimenti del regime dei mullah per l’immissione dei Mojahedin nella lista delle organizzazioni estremiste sono stati sventati

Con la rimozione di PMOI e CNRI da tutte le liste federali e statali in Germania, i maggiori investimenti del regime dei mullah e i suoi sforzi di molti anni in tutti i 16 stati della Germania per l’immissione dei Mojahedin nella lista delle organizzazioni estremiste sono stati sventati

CNRI – In quattro stati del Nord Reno Westfalia, Baviera, Amburgo, e Brandeburgo, l’agenzia di sicurezza interna tedesca conosciuta come Ufficio federale per la Protezione della Costituzione (BfV) ha rimosso l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI / MEK) e il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI) dalla lista delle organizzazioni estremiste straniere. In precedenza, il BfV e gli Uffici di Stato per la Protezione della Costituzione in 12 stati tedeschi avevano tolto la PMOI e CNRI dagli elenchi. In quanto tali, la PMOI e CNRI – che erano stati messi nell’elenco dal 1990 a seguito della richiesta del regime iraniano e per placare i mullah di Teheran – sono ora stati depennati in tutti i 16 stati tedeschi.

La relazione annuale del BfV e tutti i suoi omologhi uffici di stato sono in guardia contro le attività di spionaggio del regime dei mullah contro i dissidenti iraniani e contro le entità politiche, economiche e militari tedesche.
 
Questi rapporti descrivono il regime iraniano e i suoi cosiddetti centri islamici ad Amburgo, Monaco di Baviera e Nord Reno Westfalia, come alcuni dei fattori principali per la diffusione del fondamentalismo islamico in Germania e chiama il fondamentalismo islamico la principale minaccia alla sicurezza nel Paese.
 
Questi rapporti menzionano anche compagnie di facciata e trafficanti che si sono impegnati in attrezzature di contrabbando vietato per gli impianti nucleari del regime dei mullah, con conseguente alla prosecuzione dalla legge e la ricezione di punizioni pesanti.

Il depennamento della PMOI dalla lista BfV delle organizzazioni estremiste è una sconfitta per il regime dei mullah, le sue associazioni di facciata e lobby in Germania, che erano impegnati in una campagna diffamatoria contro la Resistenza Iraniana nel Paese spendendo enormi somme di denaro per molti anni.
 
Questo segue una battaglia capillare politica e giuridica da parte della Resistenza Iraniana e gli sforzi di molti parlamentari federali in Germania, così come il parere legale del Prof. Winfried Hassemer, ex vice-presidente della Corte costituzionale federale tedesca.

Il regime dei mullah ha messo in atto tutte le leve di pressione diplomatica e commerciale e la sua lobby politica, così come lo scambio attivo di informazioni al fine di influenzare vari organi del governo tedesco contro la PMOI e CNRI.

Nel corso di una conferenza stampa a Teheran nel maggio 2000, Ali Yunessi, infame ministro dell’Intelligence del regime iraniano ha dichiarato che avevano continua collaborazione con le agenzie di sicurezza tedesca e che avevano dato “ampie informazioni” riguardo alla PMOI a quelle agenzie tedesche.

Come altro esempio, nel 2010, la rivista settimanale focus ha rivelato che un agente dei servizi segreti iraniani si era infiltrato nel BfV tedesco per 8 anni e in quegli anni l’Iran faceva trapelare disinformazioni mirate contro PMOI al BfV.

Il Prof. Winfried Hassemer, ex vice-presidente della Corte Costituzionale Federale tedesca, che è la più alta entità giuridica del paese, in una parere legale di 122 pagine, ha esaminato i rapporti BfV che sono stati rilasciati nel corso degli anni. Tale parere ha giocato un ruolo importante in questa campagna politico-giuridica.
 
Il Prof. Hassemer, che per molti anni ha condotto revisioni giudiziarie come la seconda più alta autorità giudiziaria in Germania, ha denunciato l’influenza degli interessi della politica estera e le relazioni Germania-Iran sulle valutazioni di sicurezza sulla PMOI e la Resistenza Iraniana. Tale parere legale ha stabilito che 9 dei diritti fondamentali descritti nella Costituzione tedesca sono stati violati nel processo dei rapporti BfV sulla PMOI o che tali rapporti hanno creato la possibilità di violazione di tali diritti.
 
Secondo il parere legale del Prof. Hassemer, il partito che ha ricevuto danni potrebbe avviare una causa al fine di avere rapporti corretti. Questo parere legale ha concluso che le azioni del BfV contro PMOI e NCR non erano conformi agli standard giuridico tedeschi in base alla Costituzione.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,375FollowersFollow